P. Di Giacomo, E. Cerignoli, V. D'Ermes, G. Ferrato, A. Polimeni, C. Di Paolo | Anno 2021

Trattamenti gnatologici e osteopatici con valutazioni digitali prima e dopo le terapie. Case report di un paziente con sindrome di Ehlers-Danlos

Patologia:

Sindrome di Ehlers-Danlos

Tipo di studio:

Case report

Data di pubblicazione della ricerca:

05-05-2021

Image

Scopo dello studio

  • Obiettivo: riportare l’utilità di un programma terapeutico integrato, che prevede l’OMT, nel gestire una persona con sindrome di Ehlers-Danlos
  • Outcome misurati: valutazione del dolore tramite Verbal Numeric Scale (VNS) e delle alterazioni muscoloscheletriche e gnatologiche tramite esami clinici e digitali (elettromiografia superficiale o sEMG, T-scan III e pedana stabilometrica)

Partecipanti

  • Numero: 1
  • Descrizione: donna di 33 anni con sindrome di Ehlers-Danlos (tipo ipermobile) e disturbi temporomandibolari.
    Storia di dolore moderato (punteggio di 50 su 100 sulla VNS) a livello dell’articolazione temporomandibolare e del massetere di sinistra. 5 volte a settimana ha episodi di cefalea occipitale e/o temporale bilaterale (VNS di 70) e dolore al collo (VNS di 20). Non sono presenti acufeni o vertigini. Vi è poi un dolore diffuso lungo la colonna dorsale e sugli arti da 20 a 70 secondo la VNS.
    Presenza di occlusione di tipo I con segni di usura dentale con overjet e overbite normali, sublussazione dell’articolazione temporomandibolare di sinistra, eccessiva apertura buccale (52mm) e dolorabilità ai muscoli masseterei, pterigoidi e temporali. La fossa glenoidea temporale è risultata appiattita da entrambi i lati.La valutazione osteopatica secondo i cinque modelli ha evidenziato:• modello biomeccanico: parto complicato con cesareo, osteopenia e protrusioni discali cervicali e lombari
    • modello neurologico: miopia
    • modello respiratorio-circolatorio: storia di tonsillite e tonsillectomia, insufficienza della valvola mitralica, un episodio di polmonite e reflusso gastro-esofageo
    • modello metabolico: cisti ovariche, vulvodinia e neuralgia del pudendo; intolleranza al lattosio, ernia iatale e malattia intestinale
    • modello comportamentale: moderato livello di somatizzazione.

Sono state inoltre evidenziate un’extrarotazione della metà destra del corpo e un’intrarotazione della metà sinistra del corpo.

Sono poi stati eseguiti tre test digitali:

    • sEMG dei muscoli masticatori, che ha rivelato una preponderanza dei muscoli temporali sui masseteri ed un eccessivo sforzo masticatorio
    • T-scan III per l’analisi dell’occlusione dentale, che ha mostrato un centro occlusale di gravità destro prima del secondo molare e una perdita di efficienza neuromuscolare
    • pedana stabilometrica, che ha mostrato una forte interferenza del sistema oculomotore, un’alterazione del rachide cervicale e un maggior carico sul piede destro

Interventi e valutazioni

  • Valutazione prima e alla fine del percorso di trattamento del dolore tramite VNS e delle alterazioni muscoloscheletriche e gnatologiche tramite esami clinici e digitali (sEMG, T-scan III e pedana stabilometrica)
  • Terapia gnatologica diretta alle componenti stomatognatiche
    • 18 mesi di terapia con splint occlusale ed esercizi propriocettivi
  • OMT diretto alla gestione del dolore, delle disfunzioni della colonna vertebrale e muscoloscheletriche
    • 3 cicli, distanti 2 mesi l’uno dall’altro, di 4 sessioni settimanali da 45 minuti
  • Esame specifico per la vista a cui è seguita una riabilitazione
  • La paziente è stata trattata anche per problemi viscerali emersi dalla valutazione osteopatica

Risultati

Alla fine delle terapie (dopo 18 mesi dalla prima visita), nessun dolore masticatorio, temporomandibolare o al collo è stato riportato. Gli episodi di cefalea si sono ridotti in frequenza e intensità (VNS scesa a 40).
La paziente ha acquisito maggior controllo dei movimenti mandibolari migliorando le sue abitudini (ha smesso di serrare i denti di continuo).
Il dolore diffuso nel corpo è anch’esso diminuito fino ad un range di 10-30 secondo la VNS.
Gli esami digitali hanno mostrato tutti una normalizzazione dei parametri, con una migliore efficienza neuromuscolare nella masticazione, una miglior distribuzione del carico e un miglioramento del sistema oculomotore grazie ad una riabilitazione oculare.

Discussione

La terapia gnatologica, col supporto degli esercizi di propriocezione che hanno funzionato come una vera e propria “terapia cognitivo-comportamentale”, ha permesso il miglioramento della masticazione e la scomparsa del dolore collegato alle disfunzioni presenti prima del percorso terapeutico. In particolare, gli esercizi propriocettivi sono risultati centrali per mantenere i risultati ottenuti con lo splint occlusale, tenuto conto che la perdita della propriocezione è tipica nei casi di sindrome di Ehlers-Danlos.

L’OMT ha invece favorito il miglioramento dello stato di dolore complessivo e della postura, agendo sul riequilibrio dei diversi sistemi corporei: movimento articolare, drenaggio linfatico, flusso sanguigno, propriocezione corporea generale, colonna vertebrale.
Un simile studio mostra la fattibilità e l’efficacia di un approccio multidisciplinare in condizioni complesse.

La recensione di Osteopedia

A cura di Marco Chiera

Punti di forza: accurata descrizione del caso clinico e dei test eseguiti; buona descrizione di come si è svolta la terapia nel tempo e delle disfunzioni rilevate durante l’OMT; buona discussione dell’importanza delle singole terapie e della loro integrazione; descrizione di un programma diagnostico e terapeutico integrato

Limiti: benché si possa supporre che l’OMT sia stato personalizzato, non è chiaro quali tecniche o che approccio sia stato usato (viene solo fatto un veloce riferimento a tecniche gentili quali il rilascio posizionale e il countestrain); non si hanno indizi per valutare quanto il solo OMT abbia inciso sul risultato finale; manca una discussione dei limiti dello studio.

Sei un osteopata?

Registrati ed usufruisci dei vantaggi dell'iscrizione. Crea il tuo profilo pubblico e pubblica i tuoi studi. È gratis!

Registrati ora

Scuola o Ente di Formazione?

Registrati ed usufruisci dei vantaggi dell'iscrizione. Crea il tuo profilo pubblico e pubblica i tuoi studi. È gratis!

Registrati ora

Vuoi diventare osteopata? Sei uno studente?

Registrati ed usufruisci dei vantaggi dell'iscrizione. Crea il tuo profilo pubblico e pubblica i tuoi studi. È gratis!

Registrati ora